Tre anni fa…

Sono passati tre anni dalla battaglia democratica (conosciuta ormai a livello ‘nazionale’), relativa al REFERENDUM urbanistico sulla costruzione della seconda MOSCHEA (con minareto e cosiddetta ‘scuola coranica’), a PISA, costruzione vista favorevolmente dal centrosinistra. In questa immagine tratta da una trasmissione televisiva del due agosto 2016, c’era il quesito referendario approvato e una raccolta firme da concludere. Infatti il percorso era iniziato ancora prima. Eravamo in pochi all’inizio a metterci la faccia, in migliaia poco dopo a firmare, fino ad arrivare all’anno scorso, con il ricorso sostenuto dai cittadini, depositato in Tribunale, che ha dato l’ok all’iter referendario, sostenendo quindi il sacrosanto diritto dei cittadini a poter esprimere la propria opinione in merito. Ma ‘qualcuno’ ha continuato a ostacolare e, di fatto, negare la partecipazione. E alla fine con le elezioni amministrative, è arrivata la ‘sentenza del popolo’, che ha mandato a casa il PD. Sul territorio senza mai fermarsi #nomoschea prima, #ilpopolodecide dopo, tutti insieme, fino alla vittoria. Grazie #Pisa

Articolo letto 11 volte

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Alcune precisazioni

Vogliono manifestare sotto le finestre del sindaco per il mancato permesso circa la costruzione di una grande moschea da 800 posti con minareto e cosiddetta ‘scuola coranica’ nel quartiere Porta a Lucca. E a Pisa ci sono già due luoghi di preghiera islamici. Ergo, non esiste un problema di culto.
E comunque ricordiamo l’articolo 8 della Costituzione italiana, oltre al primo comma: ‘Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze'”. “Forse – conclude Manuel Laurora – sarà il caso, da parte delle comunità islamiche, di avere a livello nazionale, dichiarazioni, atti e fatti che non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano, oltre a vere e proprie intese”.

Pisa Today 11 Luglio 2019

Articolo letto 44 volte

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Un anno dopo…

‘QUESTIONE SECONDA MOSCHEA’. RINFRESCHIAMOCI LA MEMORIA AD UN ANNO ESATTO DALLA VITTORIA DELLA CITTÀ DI PISA CHE HA FINALMENTE MANDATO A CASA ANCHE QUI IL PD. 100 MANIFESTI: GRAZIE, PISA!

Articolo letto 33 volte

 

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Inaugurazione rotatoria Oriana Fallaci

Sabato 11 maggio alle ore 10 il Comune di Pisa onora finalmente la scrittrice e giornalista Oriana Fallaci. La cittadinanza è invitata a partecipare.

Articolo letto 79 volte
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Solidarietà al popolo di Parigi.

Notre Dame: le prime immagini che documentano che la Croce e l’Altare centrale si sono salvati dalle fiamme. A terra pezzi di legno fumante.

“Stat Crux dum volvitur orbis”

Domato l’incendio

Notre-Dame, incendio domato.

Mentre il mondo piange per l’incendio che ha colpito la cattedrale di Parigi c’è anche chi esulta nel vedere le fiamme che avvolgono il simbolo della capitale della Francia.

Come scrive Site (il sito di monitoraggio dell’attività jihadista su internet) sul suo profilo Twitter, sarebbero numerosi i profili collegati ad account di islamisti dai quali vengono condivise foto dei media che mostrano le fiamme e il fumo che si alza dalla cattedrale di Parigi, immagini accompagnate da commenti in cui si esprime gioia per la tragedia che ha colpito la capitale francese. “Un colpo al cuore dei crociati” e “castigo e punizione” sono le parole usate dai sostenitori dell’Isis che gioiscono per il rogo che ha colpito Notre Dame.

Sarà solo un caso, visto che dalle prime ricostruzioni l’incendio non dovrebbe avere origini dolose, ma venerdì scorso è stata condannata a 8 anni una delle tre donne che nel 2016, secondo l’accusa, avevano pianificato un attentato contro la cattedrale di Notre Dame.

Come ricorda la stampa francese, la donna, Ines Madani, 22 anni, è stata condannata per reati precedenti, collegati al reclutamento di combattenti da inviare in Siria e per istigazione al terrorismo, commessi tra il marzo 2015 e il giugno 2016. Secondo il piano, la cattedrale di Notre Dame doveva essere colpita con un’auto riempita di bombole di gas. Oggi invece è scoppiato un incendio. Chissà se è stato veramente un caso, un drammatico incidente, una pura casualità temporale o c’è dell’altro su cui dovranno indagare gli inquirenti francesi.

Venerdì condannata una 22enne che pianificava l’attentato a Notre Dame

Jihadisti esultano per l’incendio che ha devastato Notre-Dame

La jihadista che pianificava l’attentato a Notre Dame

Articolo letto 64 volte
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Aggiornamento – 9 aprile

Oggi in consiglio comunale a #Pisa, Rifondazione comunista (e liste di sinistra), con l’avallo del #PD, hanno portato in discussione in aula l’argomento: costruzione della grande moschea (con minareto e cosiddetta ‘scuola coranica’).
Proprio il PD, che dopo aver ostacolato il #referendum, dopo aver negato la parola ai cittadini sul quesito urbanistico, dopo che la magistratura ha stabilito che l’iter referendario poteva procedere, dopo che, comunque, i cittadini alle elezioni comunali hanno bocciato l’amministrazione e la sua arroganza (premiando il programma #nomoschea e la #Lega, che è diventato il primo partito in città con il 25%), continuano sulla stessa strada.
E ancora una volta si ergono a difensori dell’articolo 8 della Costituzione, ovvero la libertà di culto. Il fatto è che a Pisa c’è sempre stata la libertà di culto (e non è in discussione, esistono già due centri islamici).
E continuano a volere la costruzione a ‘Porta a Lucca’. Possibile che non si rendano conto dei problemi reali dei cittadini e soprattutto delle questioni che stanno più a cuore ai residenti? Forse vogliono perdere ancora altri cittadini elettori?
Comunque oggi questo testo (presentato dall’opposizione)

è stato respinto. 6 voti favorevoli e 18 contrari.

Pisa Today – 10 Aprile

Articolo letto 49 volte
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Rassegna Stampa 8 Marzo

Il comitato e l’associazione IlPopoloDecide sono da sempre coerenti: ‘la sovranità appartiene al popolo’. La magistratura aveva dato l’ok a proseguire l’iter referendario. Il #PD si è sempre opposto ed è stato punito per la sua arroganza dai cittadini. L’amministrazione va giustamente avanti con il suo programma votato dai cittadini ‘#nomoschea a Porta a Lucca’, ma noi, saremo sempre pronti a lavorare con chiunque per organizzare il #referendum consultivo su tutti i temi e i progetti urbanistici più rilevanti per la città di #Pisa#varianteurbanistica #secondamoschea#partecipazione

PisaToday

IlTirreno, 8 Marzo

Servizio di 50 Canale.

Articolo letto 72 volte
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Rassegna Stampa 28 Febbraio

Il Tirreno – 28 Febbraio 2019

Articolo letto 67 volte
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Comunicato stampa

Dopo le polemiche degli scorsi giorni, pubblichiamo il comunicato del ‘Portavoce’ del Popolo Decide nonché consigliere comunale di maggioranza presso il Comune di Pisa (pubblicato oggi sul Tirreno). Colui che insieme a tanti cittadini ha portato avanti la battaglia democratica referendaria sulla costruzione della seconda #moschea voluta dal #PD e alla conseguente vittoria del centrodestra

Articolo letto 76 volte
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

A proposito della “giornata del velo”

Alcune riflessioni critiche sulla cosiddetta “giornata del velo”.

Oggi, 1 febbraio, si festeggia in mezzo mondo il World Hijab Day, che (a detta degli organizzatori) promuove il velo come “forma di libertà e dignità della donna anche in Occidente”.

Un ennesimo tentativo di sottomissione, presentato in chiave chic e modaiola. Non caschiamoci.

Buona lettura.
http://www.lintraprendente.it/…/ribelliamoci-alla-giornata-…

Articolo letto 74 volte
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento