Alcune domande al Presidente della Regione Toscana

In merito alla mozione n. 872 del Consiglio Regionale.

Signor Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, le chiediamo:

1) Perché il documento parla esclusivamente di luoghi di culto islamici e non di altre fedi? Tra gli stranieri che vivono in Toscana sono praticate anche altre confessioni: cristiano-ortodossa, protestante, buddista e induista.
Perché quindi una “corsia preferenziale” riservata a chi (le comunità e organizzazioni islamiche), non ha MAI siglato un’intesa con lo Stato Italiano, come previsto dal comma 3 dell’articolo 8 della Costituzione Italiana? “I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze“.

2) La Regione da lei presieduta intende confrontarsi fattivamente con i cittadini Toscani su questa tematica oppure è intenzionata a seguire la stessa strada di alcuni amministratori locali (pro tempore), che hanno preso decisioni in merito alla costruzione di luoghi di culto SENZA rendere partecipi i cittadini e SENZA prendere in considerazione eventuali obiezioni, critiche e proposte alternative da parte dei residenti? In democrazia QUALSIASI progetto di grande impatto urbanistico dovrebbe essere SEMPRE sottoposto al vaglio della cittadinanza e oggetto di dibattito pubblico. L’articolo 1 della nostra Costituzione, comma 2, afferma che la sovranità appartiene al popolo (referendum comunali).

3) Considerando che la mozione 872 cita la Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo, in che modo la Regione intende assicurarsi circa la piena adesione a questi valori da parte delle comunità islamiche? A noi risulta che nel 1981 sia stata proclamata una “Dichiarazione ISLAMICA dei diritti dell’Uomo”, proprio perché la Dichiarazione Universale del 1948 è stata considerata INCOMPATIBILE con la concezione islamica.
Ad esempio, questi luoghi di culto garantiranno parità di accesso anche alle donne o ci saranno divisioni in base al genere?

Articolo letto 460 volte

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Alcune domande al Presidente della Regione Toscana

  1. Andrea scrive:

    Tutto bello, ma le firme? Ci rendiamo conto che il 4 marzo si vota e si elegge il Sindaco? Si rimanda tutto a dopo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*